Dipendente settore privato


Adesione collettiva Adesione individuale
Tipologia di forma pensionistica complementare Fondo pensione chiuso
Fondo pensione aperto Fondo pensione aperto/PIP
Versamento TFR
Nella misura prevista dal contratto o accordo collettivo
Nella misura prevista dall'accordo aziendale Facoltativo
Contributo dell'aderente Facoltativo
Facoltativo Obbligatorio
Contributo del datore di lavoro In base ai contratti collettivi se il dipendente versa il contributo a proprio carico
In base all'accordo aziendale se il dipendente versa il contributo a proprio carico Non previsto
Versamenti aggiuntivi Facoltativi Facoltativi Facoltativi

Quali sono i vantaggi dell'adesione a un fondo pensione?

L'adesione a una forma di previdenza complementare porta diversi vantaggi.

Se decidi di destinare il TFR nel fondo pensione, invece che lasciarlo in azienda, potrai costruirti una pensione aggiuntiva senza grandi rinunce.

TFR dove conviene?

In questo esempio viene calcolato il vantaggio che un lavoratore di 30 anni di età otterrà al pensionamento, optando per l'adesione alla previdenza complementare e quindi alla destinazione del TFR a un fondo pensione, rispetto a lasciarlo in azienda.


Con TFR destinato a un fondo pensione Con TFR in azienda
Reddito lordo annuo 30.000 € 30.000 €
TFR maturato 2.073 € 2.073 €
Contributo del datore di lavoro (1% del reddito lordo) 300 € 0 €
Contributo del lavoratore trattenuto in busta paga
(1% del reddito lordo)
300 € 0 €
Stipendio netto mensile (13 mensilità) 1.700 €
1.714 €
Capitale accumulato dopo 35 anni 130.000 €
(rendimento annuo 2%)1
78.600 €
(rivalutazione annua 0,67%)2
TFR liquidato netto 0 € 60.600 €
Prestazione in capitale al 50% netta 60.900 € 0 €
Rendita vitalizia mensile netta
(trasformazione del rimanente 50% del capitale)
240 € 0 €

In pratica rinunciando a soli 14 € al mese, il lavoratore che opta per la destinazione del TFR nel fondo pensione otterrà al pensionamento la stessa somma rispetto a chi lascia il TFR in azienda, ma in aggiunta godrà di una rendita vitalizia di 240 € al mese: un gran bel vantaggio! In alternativa potrà convertire il 100% del capitale maturato nel fondo pensione in una rendita vitalizia, che sarà in questo caso pari a 480 € al mese.

1 Ipotesi di adesione a una linea obbligazionaria con rendimento pari al 2% annuo al netto dell’inflazione, come da ipotesi COVIP.
2 Rivalutazione annua calcolata rispetto a un’ipotesi di inflazione del 2%.

Esempio di diversa tassazione del TFR in azienda e nel fondo pensione

TFR maturato Tassazione TFR in azienda3
Tassazione TFR nel fondo pensione4 Vantaggio fiscale TFR nel fondo pensione
100.000 €
23.000 € 9.000 € 14.000 €

3 Aliquota minima, in ogni caso l'Agenzia delle Entrate ricalcola le imposte sulla base del reddito medio degli ultimi 5 anni, pertanto è frequente che l'aliquota reale sia maggiore.

4 Aliquota del 9% al pensionamento, con almeno 35 anni di permanenza nel fondo pensione.

Adesione collettiva

Le quantità della contribuzione sono stabilite dai singoli contratti/accordi collettivi di lavoro. La trattenuta è mensile in busta paga e viene calcolata sulla retribuzione lorda. I contributi vengono poi versati dal datore di lavoro direttamente nel fondo pensione e riportati nella Certificazione Unica (CU). È altresì possibile effettuare direttamente un versamento di contribuzione aggiuntiva individuale rispetto alle quote previste contrattualmente, riportandolo nella dichiarazione dei redditi per poter beneficiare del vantaggio fiscale della deducibilità.

Vantaggio: contributo datore di lavoro

Note:

  • In accordo con il tuo datore di lavoro puoi versare al fondo pensione anche il TFR pregresso (quello maturato prima dell’adesione), beneficiando dei vantaggi fiscali previsti e del possibile maggiore rendimento rispetto alla rivalutazione del TFR che rimane in azienda.
  • Se decidi diversare il TFR maturando a un fondo pensione, la scelta può essere successivamente modificata con le modalità previste dal contratto o accordo collettivo applicato. In caso di riscatto totale è sempre necessario effettuare una nuova scelta in merito alla destinazione del TFR in quanto la precedente è revocata automaticamente.
  • Puoi sospendere in ogni momento la contribuzione a tuo carico e quella a carico del datore di lavoro, mentre il TFR maturando continua a essere versato al fondo pensione.

Adesione individuale

Puoi decidere tu la quantità e la periodicità della contribuzione, effettuando direttamente il versamento al fondo e riportandolo nella dichiarazione dei redditi per poter beneficiare del vantaggio fiscale della deducibilità.

Dal 6° al 25° anno di permanenza nel fondo pensione esiste la possibilità di dedurre fino a 50% in più della deducibilità di cui non si è usufruito nei primi cinque anni lavorativi (con un limite pari a 7.746,86 € annui).

Se tali lavoratori nei primi 5 anni di partecipazione al fondo pensione hanno effettuato versamenti per un importo inferiore al limite ordinario, gli stessi possono beneficiare di un limite di deduzione più elevato per i 20 anni successivi al quinto anno di partecipazione. In particolare tali soggetti possono dedurre i contributi eccedenti il limite massimo di 5.164,57 € fino a un ammontare pari alla differenza tra l'importo di 25.822,85 € (5.164,57 € x 5 anni) e i contributi effettivamente versati nei primi 5 anni e, comunque, nel limite di 2.582,29 € annui. Il plafond accumulato dai lavoratori di prima occupazione nei primi 5 anni può essere utilizzato ogni volta che viene effettuato un versamento di contributi eccedenti il limite ordinario a decorrere dal sesto anno e comunque entro il limite complessivo annuo di 7.746,86 €.

Esempio di utilizzo della deducibilità residua nel periodo

esempio deducibilità residua

I dipendenti neoassunti devono scegliere entro sei mesi dalla data di assunzione se destinare il proprio TFR maturando a un fondo pensione, oppure se mantenerlo in azienda. In assenza di una scelta esplicita alla scadenza dei sei mesi dalla data di assunzione il datore di lavoro è tenuto a versare automaticamente il TFR a un fondo pensione (conferimento tacito).

Esempio di diversa tassazione del TFR in azienda e nel fondo pensione

  • TFR maturato: 100.000 €
  • Tassazione TFR in azienda1: 23.000 €
  • Tassazione TFR nel fondo pensione2: 9.000 €
  • Vantaggio fiscale TFR nel fondo pensione: 14.000 €

1 Aliquota minima, in ogni caso l'Agenzia delle Entrate ricalcola le imposte sulla base del reddito medio degli ultimi 5 anni pertanto è frequente che l'aliquota reale sia maggiore.

2 Aliquota del 9% al pensionamento, con almeno 35 anni di permanenza nel fondo pensione.

Acquisite tutte le informazioni utili, se decidi di aderire, sottoscrivi il modulo di adesione contenuto nella Nota informativa della forma pensionistica da te scelta.

Avvertenze: prima dell’adesione ti invitiamo a prendere visione dei documenti specifici messi a disposizione del singolo fondo pensione: Nota informativa, Informazioni chiave per l'aderente, “La mia pensione complementare” standardizzata e Statuto/Regolamento. Questi documenti definiscono le caratteristiche della forma pensionistica complementare e le condizioni che regolano il tuo rapporto di partecipazione.

Dubbi? Rivolgiti al Pensplan Infopoint più vicino a te!

Trova il Pensplan Infopoint più vicino a te e prenota una consulenza personalizzata gratuita!

prenota una consulenza